Posted by on 23 Marzo 2017

Colazione della tradizione della famiglia Croci che gestisce l’Agriturismo San Giusto.

La colazione inizia verso le 9,30 – 10 della mattina di Pasqua.

La famiglia Croci al completo si riunisce, con gli ospiti dell’agriturismo, attorno al tavolo riccamente imbandito.

_ Cestino con uova sode, benedette durante la funzione pasquale nella piccola chiesa che sorge nel centro rurale “Il Poderone” nei pressi di Montiano.

_ Schiacciata di ricotta (ricetta originale di nonna Rina) che accompagna i tipici salumi della Maremma….. prosciutto, salame e capocollo.

_ Formaggi tipici di prodotti in agriturismo…… pecorino, ravaggiolo e primo sale.

_ Agnello nostrano a scottadito con carciofi fritti.

_ Schiacciata pasquale, dolce tipico della tradizione, ai semi di anice servita con i tranci del cioccolato delle uova aperte al momento.

Vino dolce prodotto in agriturismo

Morellino docg ” Villano” prodotto e imbottigliato in azienda.

Ricetta della schiaccia pasquale *

[*] Questo dolce della nonna Rina ha origini antiche e viene tramandata da madre in figlia, non ha dosi scritte e la sua esecuzione è stata tramandata oralmente.

Ingredienti:

Farina kg. 1.200

Lievito di birra 2 cubetti

Semi di anice gr.50

Vino bianco 1 bicchiere

Ricotta di pecora gr.700

Cannella, noce moscata e pepe 1 cucchiaino per ogni spezia

Olio d’oliva 1/2 bicchiere

Cognac 1/2 bicchiere

Uova n.3

Sale 20 gr.

Procedimento:

La sera precedente preparare un lievitino con 200 gr. di farina, 1 cubetto di lievito sciolto in acqua tiepida e farlo riposare tutta la notte a temperatura ambiente.

Mettere a bagno i semi di anice nel vino bianco.

La mattina successiva fare la fontana con la farina rimasta, inserire il lievitino e tutti gli altri ingredienti tenendo da parte un uovo.

Impastare finché l’impasto non risulti morbido ed elastico.

Fare lievitare l’impasto in una teglia da forno dopo avergli dato la forma di due o tre pani.

Quando toccando la pasta con un dito non rimane l’impronta, la focaccia potrà essere infornata dopo essere stata pennellata sulla superficie con l’uovo sbattuto e con al centro una foglia di olivo benedetto.

Cucinare la schiaccia a 250 gradi per circa 50 minuti.

A cottura ultimata la schiaccia pasquale dovrà risultare di un bel colore nocciola.

Posted in: ricette